Il Mare Nostrum,  metà certa di un’estate particolare, che porta gli strascichi di un periodo molto triste e poco florido nella storia del nostro paese. Nel mese di luglio, precisamente il giorno 8 luglio si celebra la giornata internazionale del Mar Mediterraneo, il nostro mare, così bello e misterioso, ricco di fauna e di storia. Abbiamo deciso di rendergli omaggio svelando qualche curiosità su questo immenso mare connesso all’Oceano Atlantico ed al Mar Rosso.

1.Più profondo di quel che pensi

Si pensa spesso al Mar Mediterraneo come ad una mare poco profondo , a causa del fatto che sia un bacino chiuso. Questo è un luogo comune sbagliato, da sfatare, infatti,  la sua profondità media si aggira sui 1500 metri, mentre quella massima è di ben 5270 metri e si registra presso le coste greche.

2.Barriere coralline

Molto diverse dalle loro sorelle tropicali, la barriera corallina presente nel Mar Mediterraneo è lunga circa 135 chilometri e si trova nel tratto di mare che va da Bari ad Otranto.

3.Un mare che resiste

Temperatura dell’acqua in costante aumento, isole di plastica galleggianti al largo, tratti di mare privi di qualsiasi forma di vita. E ancora, tartarughe e specie animali a rischio di estinzione, riversamenti di scarichi tossici, relitti di navi affondate e carcasse di cetacei spiaggiati. Il Mar Mediterraneo è soggetto a continuo stress e a molto inquinamento ma fortunatamente continua a resistere in tutto il suo splendore. Si spera che la situazione migliori, anche grazie alla nostra buona volontà, così da non dovergli dire addio nei prossimi decenni.

4.Un mare intercontinentale

Sembra piccolo, ma bagna tantissime coste. Il Mar Mediterraneo è collegato all’Oceano pacifico tramite lo Stretto di Gibilterra e al Mar Rosso tramite il Canale di Suez. Nel nostro mare fanno il bagno persone di ben 20 nazionalità diverse

5.Una corrente continua

Nonostante sia un mare chiuso, il Mare Nostrum ha una particolare circolazione delle acque dettato per lo più dai venti. Questo comporta non solo un costante ricambio d’acqua ma anche l’ingresso, all’interno del Mar Mediterraneo, di specie animali appartenenti all’Oceano.

6. Salinità elevata

Vero, tutti i mari sono salati, ma il Mar Mediterraneo lo è un po’ di più rispetto a tanti altri. Una salinità elevata diluita in parte dalle sue correnti.

7.Il mare dei Vulcani

Solo nei mari italiani ed in particolare nel Tirreno esistono ben 13 vulcani dai nomi originali come Eolo o Terribili. Il più affascinante di tutti è sicuramente il Marsili, al largo delle coste calabresi, che si aggiudica la nomina di vulcano sommerso più grande d’Europa.

Tra misteri e aneddoti, il Mar Mediterraneo è sicuramente un bacino da amare, rispettare ed omaggiare ogni giorno, per preservarne la salute ed assicurarci di poter usufruire delle sue bellezze ancora per tantissimi anni.