A pochi chilometri dalla vita frenetica di Salerno, lontano da caos e uffici, esiste un luogo a strapiombo sul mare  fatto di borghi di pescatori, casette colorate, insenature e  riserve naturali. Un luogo la cui fondazione viene fatta risalire ai romani e che dal 1997 è famosa in tutto il mondo per essere stata dichiarata Patrimonio dell’umanità UNESCO, parliamo di Amalfi, la città che da il nome all’omonima Costiera.

La prima delle Repubbliche Marinare

Amalfi, è la più antica tra le quattro Repubbliche Marinare, dal IX all’ XI secolo questa cittadina sul mare deteneva il controllo degli scambi di merci nel Mar Mediterraneo.
Dal 1955 ogni anno si è soliti commemorare la grande rivalità che esisteva tra Amalfi, Pisa, Genova e Venezia, e lo si fa attraverso la Regata delle antiche Repubbliche Marinara; una regata in stile medievale con parata di imbarcazioni.
Tutte le imbarcazioni utilizzate per questo evento,sono ricostruite su modelli del XII secolo e sono colorate secondo gli antichi colori marinari, il colore di Amalfi è l’azzurro.

Cosa vedere ad Amalfi

Città ricca di storia ma anche di arte e natura rigogliosa, vediamo insieme quali sono le mete da non lasciarsi sfuggire ad Amalfi

Duomo di Amalfi

Consacrato a S.Andrea, patrono della città, il duomo di Amalfi fu costruito nel IX secolo con caratteristiche architettoniche che vanno dal Romantico al Barocco, fino al Roccocò. Prevalentemente di stile architettonico romanico arabo-normanno la cattedrale comprende l’annessa Basilica del Crocifisso anch’essa risalente al secolo IX.

Una leggenda narra di non salire mai le scale del duomo mano nella mano con il proprio amato altrimenti si corre il rischio di non sposarlo mai.

Valle delle Ferriere

Un posto unico al mondo, facilmente raggiungibile da Amalfi in un’ora di camminata. La Valle delle Ferriere è un posto piacevole da scoprire anche in estate grazie alla presenza di cascate e torrenti che rendono l’aria piuttosto fresca.

La presenza di fauna e flora molto rare, fanno di questo sito un luogo di interesse scientifico e naturalistico, unico al mondo

Museo della Carta di Amalfi

Il Museo della Carta di Amalfi, è un ex-cartiera tramutata in museo nel 1969. Il museo è situato nella Valle dei Mulini ed ospita tutti i macchinari utili alla realizzazione della carta a mano, tutti i macchinari sono stati restaurati e sono tutt’ora funzionanti.

Questo luogo è molto importante e significativo per la città di Amalfi dato che, nelle prime città in cui è stata scoperta l’esistenza della carta tra il XII e il XIII secolo, si trovano proprio le Repubbliche Marinare e quindi, la città di Amalfi.

Luogo incantevole e pieno di meraviglie, qualunque sia il numero dei giorni della vostra permanenza ad Amalfi, non lasciate la città senza aver assaggiato almeno un bicchierino del loro squisito limoncello, famoso in tutto il mondo.